All posts tagged: energia elettrica

municipio

Agsm Energia si aggiudica la fornitura di energia elettrica di tutte le utenze del Comune di Verona

Agsm Energia, la società commerciale del Gruppo Agsm, si aggiudica la fornitura di energia elettrica per tutte le utenze del Comune di Verona, compresa l’illuminazione pubblica.

Dallo scorso settembre e fino a tutto agosto 2017 gli edifici comunali, gli uffici, gli sportelli e tutte le strutture dell’amministrazione scaligera saranno fornite dall’energia della società di lungadige Galtarossa.

municipio

“Siamo molto orgogliosi di esserci aggiudicati il bando di gara del Comune di Verona”, commenta Giuseppe Stoppato, presidente di Agsm Energia, “perché per noi rappresenta una conferma non indifferente della nostra professionalità, della nostra solidità e della convenienza economica rispetto agli altri operatori”.

“Il bando di gara era a procedura aperta con aggiudicazione al prezzo più basso rispetto alla convenzione di Consip. Il contratto stipulato prevede la fornitura – attraverso 1.200 contatori – di 40 milioni di chilowattora di energia elettrica che il Comune utilizza per i consumi dei propri edifici e servizi ma anche per la pubblica illuminazione”, spiega Stoppato.

“Agsm Energia”, dichiara Floriano Ceschi, Direttore operativo della società, “gestisce più di 340 mila forniture di energia elettrica e gas in tutta Italia, ha nel proprio portafoglio 150 pubbliche Amministrazioni con oltre 6.000 forniture. Le pubbliche amministrazioni e la clientela business clienti Agsm hanno a disposizione prezzi competitivi ma anche servizi che semplificano ed agevolano la gestione del rapporto commerciale come portali web interattivi dedicati o la possibilità di invio di flussi informatici di fatturazione secondo le specifiche esigenze del cliente”

Accordo

Il Club dell’energia di Apindustria sceglie Agsm Energia

Agsm Energia si è aggiudicata la fornitura al Club dell’Energia di Apindustria Verona per l’anno 2016. Nelle scorse settimane la società del Gruppo Agsm è stata scelta dall’Associazione delle piccole e medie imprese veronesi tra più di dieci player nazionali per aver presentato la miglior offerta per la fornitura di energia elettrica riservata alle aziende di Verona e Provincia.

Accordo

“Abbiamo presentato all’associazione Apindustria”, spiega Floriano Ceschi, direttore operativo di Agsm Energia, “due proposte per i loro associati: la possibilità di aderire alla formula prezzo fisso e la formula a prezzo variabile, indicizzato cioè ai valori della borsa elettrica. A chi sceglierà la formula prezzo fisso, Agsm Energia garantirà per tutto il 2016 un risparmio di più del 10 per cento sul prezzo della materia prima rispetto al 2015”. Ad oggi, sono più di 150 le piccole e medie imprese che hanno già aderito all’offerta di Agsm Energia, per un volume di totale di energia di oltre 55 milioni di chilowattora. “Siamo molto orgogliosi di essere stati scelti da Apindustria”, commenta Giuseppe Stoppato, presidente di Agsm Energia, “perché è una ulteriore conferma del buon operato della nostra società, sempre attenta e sensibile alle richieste della clientela e in grado di studiare soluzioni ad hoc per i nostri partner”. “L’accordo concluso con Apindustria”, spiega Giampietro Cigolini, direttore generale del Gruppo Agsm, “ci rende particolarmente orgogliosi e soddisfatti del ramo commerciale del nostro Gruppo. Gran parte dei loro associati risiede fuori dal territorio comunale veronese e per noi questa è un’ottima possibilità per allargare ulteriormente il nostro bacino di clienti, confermando il forte impegno che perseguiamo da qualche tempo nell’espansione in provincia”. “La collaborazione con Apindustria”, conclude Fabio Venturi, presidente del Gruppo Agsm, “apre la strada a possibili future collaborazioni. Siamo un Gruppo molto articolato, non vendiamo solo energia. Agsm ha la possibilità di offrire anche altri servizi, come ad esempio il gas e la fibra ottica, e speriamo di poter proporre ad Api la nostra gamma di prodotti molto presto”.

“I nostri associati ci chiedono interventi sempre più precisi, mirati alla riduzione dei costi. E’ per questo che abbiamo deciso di scegliere un partner fornitore di energia elettrica per le imprese Apindustria”, dichiara Arturo Alberti, presidente di Apindustria Verona. “Negli ultimi anni le tariffe di acqua, energia elettrica, gas e rifiuti per le piccole medie imprese italiane sono lievitate del 17,6% e cioè quasi 3 punti in più rispetto agli aumenti subiti dalle famiglie (14,8%) e in misura più che doppia rispetto alla crescita dei prezzi di consumo (8,1%). Inoltre”, continua Alberti, “gli oneri di sistema incidono molto sul prezzo finale al dettaglio dell’energia elettrica, diventando estremamente penalizzanti per i nostri associati”.

“Alla luce di queste problematiche”, afferma Alberti, “diventa di vitale importanza cercare, grazie all’ormai completa liberalizzazione del mercato dell’energia, la miglior tariffa possibile per poter risparmiare somme spesso importanti. Per il 2016 abbiamo stretto un accordo con Agsm Energia che si è dimostrata economicamente conveniente e con caratteristiche qualitative che hanno assunto un valore importante nella nostra scelta. La società è stata in grado di formulare un’offerta adatta alle necessità delle aziende aggiungendo un’analisi energetica accurata, un servizio clienti efficiente ed una fatturazione mensile sui consumi reali”. “Agsm Energia è inoltre un operatore di respiro nazionale con radici profondamente, radicate nel territorio”, conclude Alberti, “e garantisce non solo la competitività che serve ma anche l’affidabilità che chiediamo per i nostri associati. Le nostre aziende sono il nostro patrimonio e riteniamo vadano tutelate al meglio e con Agsm Energia siamo certi di poterlo garantire”.

Tecnici AGSM cabina

Perchè in queste ore salta la corrente?

Nelle scorse ore alcune zone di Verona sono rimaste senza corrente elettrica. Interruzioni che sono durate da alcuni minuti (l’ospedale di Borgo Trento è stato rialimentato in 60 secondi) a qualche ora. Parte del quartiere di Borgo Roma, Santa Lucia, alcune vie della zona del Bauli, lo Stadio, Poiano, viale della Repubblica, una parte di Porto San Pancrazio, Borgo Trento, Avesa, Saval, Quinzano, San Michele Nuova.
Disservizi accidentali e fisiologici che avvengono nelle cabine secondarie di energia elettrica legati alle temperature elevate e alla contemporaneità della richiesta energetica. Nulla a che vedere con la salute della rete elettrica che sta reggendo bene la forte richiesta energetica. Ma allora perchè accadono?

Tecnici AGSM cabina

Sono due i motivi principali:

1) l’energia che percorre gli interruttori delle cabine supera la loro portata. Quindi il dispositivo di protezione automatica installato protegge dal sovraccarico energetico scattando, ossia mettendo fuori servizio la linea (come accade agli interruttori di casa quando si supera la potenza disponibile);

2) i sistemi di protezione degli interruttori delle cabine si surriscaldano per l’elevata temperatura circostante e scattano, mettendo in sicurezza la cabina. Le valvole sono tarate per resistere alle temperature esterne fino a 40°. All’interno delle cabine secondarie, in questi giorni, l’aria è rovente.

L’effetto combinato della forte richiesta contemporanea di energia dovuta principalmente al massiccio uso dei condizionatori assieme ai valori africani di questi giorni mettono a dura prova le cabine elettriche.
Inoltre ieri, alle 16,30 i consumi hanno superato i 253 MW di potenza prelevata sulla rete Agsm. Oggi a mezzogiorno abbiamo raggiunto i 260 MW, segnando il nuovo record.
I tecnici Agsm hanno lavorato ininterrottamente tutta la notte per normalizzare la situazione nelle cabine delle zone colpite dagli stacchi accidentali. L’occhio vigile della Centrale operativa di lungadige Galtarossa monitora 24 ore su 24 la situazione ed è in costante collegamento con le squadre di pronto intervento.
La raccomandazione è di utilizzare elettrodomestici e apparecchi elettronici solo se necessari e di non esagerare con l’utilizzo dei condizionatori.

Bomba day

Cosa farà Agsm per il “bomba day”?

Domenica 14 giugno verrà rimossa una bomba della seconda guerra mondiale trovata all’Arsenale, a Verona. Dalle 9 alle 11 circa gli artificieri saranno impegnati nel disinnesco dell’ordigno. La messa in sicurezza della zona (che vedrà l’evacuazione di circa 25.000 persone) e il coordinamento delle operazioni fanno capo alla Prefettura di Verona la quale ha chiesto ad Agsm di disalimentare la rete di energie elettrica fino a 150 metri dal luogo dell’ordigno.

Bomba day

Agsm informa quindi che dalle 9 alle 11 circa nelle vie e nei civici qui sotto riportati non ci sarà energia elettrica:

  • piazza Arsenale civici: 1, 2, 3, 4, 5A, 5, 6A, 6B, 6, 7A, 8, 9, 10
  • via Arsenale civico 10A
  • via Gian Carlo Camozzini civico 34
  • lungadige Campagnola civici: 2, 5, 6, 7, 8, 9
  • via Giardino Gen Gaetano civici: 1A, 2C, 2, 3, 4, 6
  • via Monte Pasubio civici: 1A, 5, 9
  • viale della Repubblica civici: 1A, 5, 9, 13, 15, 17, 19A, 19, 20, 21, 22, 24, 29, 35, 37, 29, 41, 43A, 43, 45, 47A, 47
  • via Mario Todeschini civici: 1, 2, 3, 7, 11

Per quanto riguarda il gas metano, il servizio sarà garantito eccetto ai sei condomini già avvisati e già allertati nei giorni scorsi.

Per avere più informazioni, visitate la pagina sul sito del comune di Verona qui