Agsm regala alla città una nuova colonnina per la ricarica elettrica gratuita

17 novembre 2017/ 0 0

Un’altra colonnina Agsm per la ricarica dei mezzi elettrici è a disposizione dei cittadini. E’ stata inaugurata in via Pallone in presenza del sindaco Federico Sboarina una nuova colonnina dalla quale è possibile ricaricare autoveicoli elettrici per una smart city sempre più pulita e verde. Tre le colonnine pubbliche di Agsm installate a Verona: la prima, situata nel piazzale della Fiera di Verona, è stata dotata di una particolare presa di corrente da 22 kilowatt (KW), in corrente alternata, idonea per la ricarica accelerata di molti modelli di auto elettriche. Provvisoriamente, è stata provvista anche di una presa normale da 3KW per la ricarica di motorini e di biciclette elettriche.

Conf_1

La seconda, a doppia postazione per consentire la ricarica di due auto contemporaneamente, è dotata di 2 prese da 22 KW ed è stata collegata in prossimità del centro della città di Verona, in lungadige San Giorgio. La terza colonnina in via Pallone, sempre a doppia postazione, idonea per la ricarica di due auto contemporaneamente, dotata di 2 prese da 22 KW, è stata posizionata in due stalli del parcheggio auto sul lato delle mura comunali, presso l’incrocio con via del Pontiere. “Ciò che sogno per la nostra Verona è una città con una nuova mobilità per un futuro silenzioso e pulito e con una migliore qualità dell’aria e della vita. Da oggi i veronesi potranno usufruire del servizio di tre colonnine Agsm pubbliche per la ricarica dei loro mezzi elettrici” afferma Michele Croce, presidente di Agsm. E continua: “Verona deve stare al passo con l’Europa: paesi come la Norvegia hanno ormai più colonnine per la ricarica elettrica che distributori di benzina e, considerato che i prezzi delle auto elettriche restano per ora decisamente alti rispetto a quelle alimentate con motori tradizionali, il governo incentiva fortemente l’acquisto di queste vetture che lì hanno raggiunto il 40 per cento della quota di mercato. Proprio per favorire lo sviluppo della mobilità elettrica nella nostra città, Agsm ha pensato ad una ricarica gratuita e accessibile solo tramite l’App Verona Smart App per gli utilizzatori delle colonnine durante il primo anno di servizio, mentre in seguito sarà possibile fare rifornimenti mediante carte di credito o bancomat” continua il Presidente.

Il sindaco Federico Sboarina: “L’occasione di oggi è importante perché si inserisce perfettamente nelle dinamiche del momento. Intendo dire che le case costruttrici di automobili stanno puntando molto sulle macchine elettriche. Un trend di cui anche l’Amministrazione comunale è attenta osservatrice per i motivi facilmente intuibili. Una nuova mobilità sostenibile, sia dal punto di vista ambientale che del rumore, è il futuro a cui tendere per garantire la vivibilità della città. Ecco perché una nuova colonnina di carico è fondamentale, senza infrastrutture l’impiego delle auto elettriche non si sviluppa. Un grande plauso quindi ad Agsm per questa attenzione, che va nella direzione di quella del Comune. E aggiungo anche per la facilitazione agli utenti attraverso la apposita App. Il nostro intento è di fare di Verona una città sempre più smart, in cui i servizi siano sempre più accessibili, moderni e tecnologici”.

“Se da un lato la nostra preoccupazione è stata anche quella di assicurare un basso impatto ambientale nel contesto architettonico e paesaggistico del meraviglioso centro storico della nostra città tramite l’installazione di colonnine stradali di determinate dimensioni, dall’altro Verona deve guardare al futuro: nel mondo entro il 2040 potrebbero essere in circolazione più di 150 milioni di auto elettriche e aziende come Volkswagen hanno annunciato grandi investimenti sulle auto a batteria in modo da rendere «verdi» tutti i modelli della loro gamma. Sulla base di queste premesse noi dobbiamo necessariamente gettare le basi per realizzare nella nostra città una rete di ricarica rapida e performante. Continuare ad investire in questo tipo di mobilità sostenibile diventa, in quest’ottica, assolutamente doveroso da parte dell’azienda che rappresento” conclude il presidente Michele Croce.