Presentato il bando per la riqualifica della ciminiera della CTE del Mincio

27 settembre 2017/ 0 0

E’ stato presentato a Mantova, nella sede del parco del Mincio, il bando di concorso per la riqualificazione architettonica della ciminiera alta 150 metri dell’impianto produttivo della centrale termoelettrica di Ponti sul Mincio. Il bando, di carattere internazionale, è aperto a tutti i professionisti, singoli o associati, appartenenti ai settori dell’architettura, del design e dell’ingegneria nonché ad artisti e ricercatori che operano all’interno di Università. L’obiettivo del concorso è l’individuazione di una proposta che permetta, sulla base delle indicazioni progettuali già approvate dagli enti competenti, la trasformazione della ciminiera come “Porta settentrionale del parco del Mincio e del mantovano”.

IMG_0199

A seguito del potenziamento dell’impianto nei primi anni 2000, la centrale di Ponti sul Mincio è stata sottoposta ad importanti azioni di riqualificazione ambientale. La ciminiera ha però ricevuto da subito una particolare attenzione ipotizzandone la trasformazione in un elemento in grado di riproporsi creando un nuovo valore al territorio. Nel 2014, anche su sollecitazione degli enti locali, in particolare del Parco del Mincio e dell’amministrazione del comune di Ponti sul Mincio, le società proprietarie della centrale (A2A gencogas, Agsm Verona, Aim Vicenza e Dolomiti Energia), hanno sviluppato un progetto che rendesse possibile l’integrazione della ciminiera nel territorio trasformandola in una “Torre Belvedere”, accessibile ai visitatori, utile per la collettività sia dal punto di vista del profilo culturale che di quello di attrattore turistico. Il progetto è stato sottoposto a Valutazione di Impatto Ambientale con un iter particolarmente attento nel valutare gli effetti sulle diverse matrici paesaggistiche e socio-economiche, ottenendo, nell’ottobre del 2016, la compatibilità ambientale da parte del MATTM con alcune prescrizioni, tra le quali quella di indire un “Concorso di idee” finalizzato a: … “ripensare, anche sotto l’aspetto visuale, la ciminiera attraverso soluzioni progettuali che, configurando la permanenza del manufatto, siano capaci di conseguire espressioni figurative di valenza semantica che rafforzino i valori simbolici che i diversi attori territoriali attribuiscono allo stesso come landmark territoriale e paesaggistico” Un apposito gruppo di lavoro, coordinato dalle società proponenti ha permesso di definire il testo del concorso. Il bando prevede un termine di richiesta di possibili chiarimenti entro il 29 Ottobre. La presentazione degli elaborati è stata fissata al 28 Dicembre. Il programma prevede la pubblicazione dei risultati il 28 Marzo e la premiazione dei progetti vincitori entro il 28 Aprile 2018. Sarà costituita un’apposita commissione tecnica e di valutazione (la Giuria), espressione degli enti coinvolti nel progetto, al fine, in particolare, di formulare i giudizi che determineranno la graduatoria di merito. Al primo classificato andranno 8 mila euro, al secondo 3 mila euro ed al terzo 2 mila euro. Inoltre saranno istituiti due “Premi speciali della Giuria”, entrambi del valore di mille euro, destinati a valorizzare due ulteriori progetti. Potranno essere selezionate altre opere a cui conferire speciale menzione per originalità, contenuto artistico, innovazione che saranno esposte insieme ai vincitori in occasione della manifestazione di premiazione.

Clicca qui per scaricare il bando